lunedì 30 settembre 2013

PokeDem: una piattaforma per il monitoraggio partecipato della Politica.

Lo slogan è semplice quanto accattivante "Scopri, Segui, Sprona". Di cosa stiamo parlando? Di PokeDem, una piattaforma che il cittadino può usare per monitorare l'attività - istituzionale e non - dei suoi rappresentanti in parlamento (sia deputati che senatori). La cosa interessante è che questa applicazione Web rappresenta un concentrato di tecnologia informatica e linguistica all'avanguardia. Chiediamo al suo fondatore, Claudio Giuliano, come è nata quest'idea e come funziona: 

"Siamo una startup innovativa che opera nell’ambito dell’analisi semantica dei testi. I fondatori hanno più di dieci anni di esperienza nelle tecnologie del linguaggio, apprendimento automatico e del Web semantico. La nostra missione, sentita prima di tutto come cittadini, è avvicinare gli elettori ai propri rappresentanti. Forniamo un servizio che consente a tutti di scoprire e seguire il loro operato attraverso tutte le notizie che si possono collezionare sul Web e i documenti ufficiali prodotti nelle sedute parlamentari. Inoltre permette, tramite la connessione a tutti i profili social e istituzionali, di spronare i propri rappresentanti politici a prendere decisioni che riguardano tutti. La nostra visione è un paese sviluppato che si lascia alle spalle questa crisi politica anche perché i cittadini posso fare la loro parte: conoscere per deliberare".  

Ma ci parli meglio della tecnologia che sta alla base della piattaforma. 

"Questa piattaforma nasce dalla tecnologie di Machine Linking  che utilizza algoritmi di ultima generazione che permettono di seguire i nostri rappresentanti parlamentari sul web, analizzando in tempo reale un gran numero di sorgenti: siti di informazione, blog, social network, etc. Questi algoritmi intelligenti, inoltre, filtrano solo l'informazione rilevante (ad esempio sanno distinguere se il Paolo Rossi di cui si parla nell'articolo è il calciatore, il comico o il politico di nostro interesse). Possono poi creare in automatico reti sociali di interazione tra i deputati (per cui avremo, ad esempio, tutti i documenti che parlano di Letta e Alfano accessibili in un click).

Come si utilizza?

"Si apre una pagina intitolata 'Scopri chi ti rappresenta' dove l'utente si registra gratuitamente e può scegliere, in base all'area geografica e al partito politico, la lista dei parlamentari e senatori da seguire. Per ogni deputato le informazioni disponibili sono (prendiamo l'esempio di Renato Brunetta): una scheda riassuntiva del deputato (inclusa la mail istituzionale e i contatti social), la lista delle ultime news apparse su di lui, gli ultimi post da lui scritti su vari social e gli ultimi post indirizzati al politico dai cittadini. Conclude il tutto una scheda con le statistiche riassuntive delle attività a lui collegate. Si possono seguire fino a un massimo di dieci deputati; quando si sarà effettuata la propria scelta si aprirà la Dashboard, la pagina che permette all'utente di controllare l'operato dei deputati scelti, e appariranno le ultime news. In un colpo d'occhio sono raccolti gli argomenti di cui tratta il vostro rappresentate e potrete scegliere se leggere l'articolo, se volete condividerlo o archiviare il contenuto Web".


Ci sono anche altre modalità di interazione? 

"Oltre al singolo candidato abbiamo creato delle classifiche per confrontare i vari candidati. Abbiamo quindi la classifica dei politici più menzionati dai giornali, quelli più attivi sui social network  e quelli che sono più citati dagli utenti dei social network. Mi lasci concludere dicendo che la nostra filosofia è quella del miglioramento continuo, quindi ogni mese cerchiamo di aggiungere nuove funzioni che i nostri utenti ci chiedono, per poter migliorare continuamente il servizio. Ad esempio abbiamo recentemente aggiunto la classifica dei cosiddetti attivisti, ossia quei cittadini più attivi nello spronare i politici sul web e che spesso sono fonti preziose di notizie altrimenti poco diffuse. Prossimamente aggiungeremo anche la lista dei politici più applauditi e più criticati durante le sedute parlamentari,  ma soprattutto provvederemo ad allargare la lista ai presidenti di regione e ai sindaci delle maggiori città, con l’obiettivo di coprire progressivamente tutte le istituzioni".


Insomma, noi di Tecnologie Web lo troviamo un esperimento molto interessante, che rende la politica più democratica, soprattutto grazie alle nuove tecnologie e dimostra che il nostro paese è ancora ricco di talenti che hanno voglia di spendersi per un futuro migliore. 

mercoledì 13 febbraio 2013

Tweet, Sentiment Analysis e Politiche 2013

Social network, tv e giornali ci sommergono ogni giorno con decine di dichiarazioni su cosa ogni politico farà, su quello che ha già fatto e sul perchè gli avversari sono peggiori di lui. Ma l'elettore come può districarsi in tutto questo? Politiche 2013, una app sviluppata da 3 giovani ricercatori,  disponibile gratuitamente per iPhone, iPad e Android, ci permette di seguire in modo semplice ed intuitivo l'evolversi della campagna elettorale cercando di non farci perdere in questa giungla politica.

L'applicazione, infatti, non solo è predisposta per fornire i dati generali sui tredici (sic!) politici, ma va oltre - rispetto a molte sue concorrenti - fornendo varie funzioni interessanti, frutto della ricerca sull'elaborazione automatica del linguaggio. Si puó quindi trovare l'analisi semantica dei tweet, che descrive il comportamento e i temi trattati dal politico sul suo profilo twitter. I grafici, infatti, sono costruiti analizzando i tweet presenti nel suo profilo (ufficiale) dal primo gennaio ad oggi. 

Abbiamo inoltre (i) l'andamento nel tempo del numero di citazioni che il politico fa nei confronti dei propri avversari, (ii) le parole più utilizzate dal politico associate ai verbi corrispondenti e, infine, come cambia nel tempo il sentimento espresso dal politico quando scrive. 

Provate voi stessi a controllare quando c'è stato l'annuncio del rimborso della tassa IMU. Noterete senz'altro un cambio di sentimento notevole nei tweet di Angelino Alfano. Oppure lo scandalo MPS,  che ha portato Pierluigi Bersani a cambiare decisamente l'uso degli aggettivi in quei giorni.

E per non farci mancare nulla, l'applicazione ci fornisce anche gli orari delle trasmisioni a carattere politico in tv, i link ad articoli di attualità politica e un aggregatore dei tweet con hashtag #Politiche2013. Insomma non manca proprio nulla.



L'applicazione in versione 2.0 è già disponibile su Android ed a breve lo sarà anche iPhone iPad. 

Pagina facebook ufficiale: http://www.facebook.com/politiche2013app
PlayStore: https://play.google.com/store/apps/details?id=it.airwall.politiche2013
iTunes: https://itunes.apple.com/it/app/politiche2013/id593353652?ls=1&mt=8


mercoledì 20 giugno 2012

La Nuova Scienza della Persuasione Online

Oggi parliamo di una ricerca portata avanti da un gruppo di ricercatori italiani con la quale si é dimostrato che in un testo con finalità persuasive bastano cambiare poche parole (anche solo un aggettivo) per fare acquisire al messaggio più o meno forza ed efficacia. La novitá interessante é che questa ricerca è stata condotta testando annunci pubblicitari AdWords di Google usando peró un modello sperimentale di tipo scientifico.

Naturalmente pubblicitari e direttori del marketing conoscono bene quest’antica verità, ma un conto è averne una conoscenza intuitiva ed esperienziale, un altro è fornire evidenze scientifiche. «Il nostro studio mostra una metodologia scientifica nuova, economica e in tempo reale, per fare ricerca nel campo della persuasione online, e non solo – spiega il ricercatore Marco Guerini, 35 anni –. Con i messaggi pubblicitari AdWords di Google si possono fare, via internet, ricerche davvero globali, esperimenti virtuali in grado di coinvolgere utenti da ogni angolo del mondo, il tutto a costi davvero bassi: poche decine di euro.» Un particolare interessante, soprattutto in tempi di crisi come questi. 

Le applicazioni pratiche delle nuove tecniche di comunicazione persuasiva sono immense: dal marketing alla politica, dall’informatica al diritto. «In un altro studio abbiamo analizzato migliaia di discorsi di leader politici, soprattutto americani, di destra e di sinistra, scoprendo quali erano le parole in grado di strappare più applausi all’uditorio. – racconta Guerini – Analizzando i discorsi dell’ex presidente George W. Bush, per esempio, abbiamo scoperto che la parola “guerra”, che prima della tragedia dell’11 settembre riusciva a scatenare gli applausi dei suoi sostenitori, dopo l’11 settembre, quando la “guerra al terrorismo” era scoppiata veramente, non strappava più applausi, pur essendo molto più usata in tutti i discorsi.» 

Le tecniche di comunicazione persuasiva, inoltre, possono fornire nuovi, preziosi antidoti in un’era dove il consumatore medio è tempestato da ogni genere di informazioni pubblicitarie e messaggi più o meno occulti. «Questi studi possono consentire di individuare più facilmente chi cerca di fare pubblicità senza volerlo dire. – conferma Guerini – È un fenomeno diffuso, anche su internet e in particolare sui Social Network: pensiamo a certi siti di recensioni, dove capita che le descrizioni dei prodotti siano accompagnate da decine e decine di commenti entusiastici di presunti clienti… con le nuove tecniche di comunicazione persuasiva possiamo capire quali siano i veri scopi di questi commenti: vendere un prodotto, entusiasmare potenziali clienti o altri scopi ancora più sottili che gli utenti, anche attenti, fanno fatica a riconoscere.»

martedì 17 aprile 2012

Suggerimenti di Social Media Marketing


  • Fai re-tweet, o re-share, di post interessanti proposti da altri utenti. La condivisione di post o tweet riguardo cose di interesse - dette da persone influenti - metterà anche te in  risalto come esperto.  
  • Accertati di mantenere un rapporto 80/20, quando pianifichi i tuoi messaggi. 80% di divertimento e contenuti sociali, il 20% business/advertising.
  • Strategia Youtube. Se si vuole avere successo nel web marketing è necessario disporre di una strategia Youtube - i video vengono indicizzati su Google molto velocemente, e spesso ottengono posizioni privilegiate! 
  • Rispondi in fretta, la gente pone domande sui social media perché vuole risposte immediate... non più di 2 ore dopo! 
  • Usa foto per accompagnare i Post! Le foto su Facebook hanno una viralità molto più alta dei messaggi di solo testo. Usa foto originali o buffe, funzionano meglio. 
  • Utilizza gli hashtag. Molte persone su twitter, ma non solo,  fanno ricerca tramite le categorie (hashtag), quindi se parli di tecnologia, utilizza l'hashtag #tecnologia.

lunedì 19 marzo 2012

iPhone 4S: Elenco Completo Frasi che Siri può Capire

Uno dei maggiori punti di forza del nuovo iPhone 4S di Apple è Siri - l'assistente personale intelligente a comando vocale. Utilizzando Siri, è possibile dettare messaggi di posta elettronica, pianificare riunioni, chiamare contatti, trovare risposte dal web e tanto altro.

Erica Sadun di TUAW ha recentemente pubblicato un elenco esaustivo di frasi che il nuovo assistente vocale Siri è in grado di comprendere. Mentre aspettiamo la versione in Italiano di Siri, ecco l'impresisonante lista di frasi divisa secondo le categorie principali:

Rubrica: Dettagli dei Contatti
  • Qual è l'indirizzo di Michele?
  • Qual è il numero di telefono di Susanna Rossi?
  • Quando è il compleanno di mia moglie?
  • Mostrami l'email di lavoro di Susanna Rossi
Rubrica: Trovare contatti
  • Mostra i dettagli di Michele
  • Trova persone che si chiamano Marco
  • Chi è Susanna Rossi?
Rubrica: Relazioni
  • Mia madre è Susanna Rossi
  • Michele è mio fratello
  • Chiama mio fratello sul posto di lavoro
Calendari: Aggiungere eventi
  • Imposta una riunione alle 9:00
  • Imposta un incontro con Michele alle 9:00
  • Incontro con Lisa a mezzogiorno
  • Imposta un incontro sul budget domani alle 9:00
  • Nuovo appuntamento con Susan Park Venerdì alle15:00
  • Pianifica una riunione alle 8:30 di oggi nella sala del consiglio